Adesso la nuova piscina di Quinto mette d’accordo destra e sinistra

(...) «Ho sentito dire in questi giorni che “se non fosse stato per i Verdi la piscina ci sarebbe già” - attacca Marco Compagnino, capogruppo dei Verdi nella circoscrizione IX Levante -, in realtà è solo lusinghiero per noi sentirci dire che abbiamo questo potere, ma non è vero. Di certo c’è soltanto che abbiamo combattuto in tutti i modi contro il progetto vecchio della piscina di Quinto, che era troppo aggressivo verso l’ambiente, e alla fine anche la circoscrizione e il Comune hanno ritenuto che non fosse praticabile. Invece adesso l’approccio sembra diverso».
Il nuovo progetto presentato dal centro integrato di via, infatti, prevede che la piscina venga realizzata più a mare, nell’estremo levante della delegazione in piazzale Rusca che verrebbe prolungato verso il mare. Lì sotto, ma solo nella porzione nuova e dunque non coinvolgendo i giardini sovrastanti sarebbe realizzato un parcheggio sotterraneo. Mancano ancora i dettagli della realizzazione e quindi anche uno studio di fattibilità, visto che realizzare una piscina su una scogliera non sembra facile, a prima vista. «Non diamo un sì incondizionato - spiega ancora Compagnino -, vogliamo studiare l’idea del Civ tutti insieme e desideriamo che siano coinvolti anche i cittadini». Tra i problemi fino ad oggi non ancora risolti c’è quello di individuare chi potrebbe realizzare l’opera. Sarà certamente un project financing, si cerca cioè un privato disponibile a realizzarla e a gestirla. «Inoltre anche il Comune dovrà dire la sua sull’argomento - aggiunge il capogruppo dei Verdi -, e quindi è tutto rimandato perlomeno a dopo le elezioni».
L’idea di realizzare una piscina nel Levante piace anche a Francescantonio Carleo, maresciallo dei carabinieri in pensione candidato dalla Casa delle Libertà come presidente di circoscrizione. «Dico innanzitutto che non sono pregiudizialmente contrario a realizzare una piscina - dice Carleo -. Nel mio programma, anzi, ho individuato due aree destinabili a questo scopo: o in via del Commercio su un terreno privato ex Aura, o a Quarto Alto in via delle Campanule, dove ci sono alcune strutture abbandonate».
Secondo Carleo un progetto di piscina non può prescindere dalla realizzazione di un parcheggio anche per i pullman. «E la piscina dovrebbe avere anche una gradinata per il pubblico, soprattutto se si parla di una struttura in grado di ospitare gare importanti - dice Carleo -. Comunque mi riservo di verificare il progetto dei Civ nei dettagli se verrò eletto, visto che adesso l’ho potuto analizzare soltanto dai giornali».
Il progetto del Civ, appoggiato in pieno dal presidente uscente della circoscrizione Giovanni Calisi, prevede una piscina da 33 metri per 20 (quindi regolamentare), e la costruzione di un parcheggio interrato con una riqualificazione generale della zona superiore con la creazione di giardini.
Ora si aspettano solo le elezioni, ma la volontà dei cittadini sembra chiara: la piscina del Levante si farà. E si farà probabilmente a Quinto.