Adolfo bacchetta l’Udc: «Il partito deve dialogare di più con la gente»

Sono due le liste che fanno riferimento rispettivamente a Umberto Calcagno e Gianluca Fippi e si confrontano al congresso provinciale dell’Udc, aperto ieri all’Hotel Bristol. All’assemblea, che si concluderà oggi, hanno preso parte fra gli altri il segretario nazionale Lorenzo Cesa, il consigliere regionale Nicola Abbundo e l’onorevole Vittorio Adolfo. Particolarmente incisivo l’intervento di quest’ultimo che ha incitato gli iscritti «ad aprire il partito, per renderlo più efficiente e credibile, ascoltando di più gli elettori». Da qui, fra l’altro, anche la proposta di una Costituente. I temi dibattuti nella prima giornata del congresso hanno riguardato soprattutto le prospettive di crescita dell’Udc, in particolare a Genova, visto che i consensi a Imperia superano il 10 per cento e a Savona il 7, mentre nel capoluogo toccano appena il 3 per cento.