Adp (Scalo di Bari) «Alitalia non paga? Noi facciamo causa ad Air France»

La società di gestione dell’aeroporto di Bari ha avviato un procedimento contro Air France per un credito vantato nei confronti di Alitalia. Il presupposto di tale azione risiede in un presunto vincolo di solidarietà tra le due compagnie, che se fosse accertato dai giudici potrebbe creare un serio precedente ai danni del vettore francese. L’amministratore unico di Aeroporti di Puglia, Domenico Di Paola, ieri ha depositato al tribunale civile di Bari un’ingiunzione di pagamento nei confronti di Air France per oltre 1,2 milioni di euro. La vicenda riguarda un credito di questo importo relativo a diritti d’imbarco riscossi da Alitalia tra maggio e agosto 2008, ma che non sono stati versati alla società che gestisce gli scali aeroportuali in Puglia.
«Poiché nei confronti di Alitalia, che è commissariata - ha spiegato il legale di Adp, Nico Romito, ai giornalisti presenti a Palazzo di Giustizia - non è possibile fare alcuna ingiunzione di pagamento, abbiamo chiesto alla compagnia francese di pagare il debito poiché i biglietti sono stati commercializzati da tutte e due le compagnie e venduti in code share». Da tempo Di Paola sta meditando un’azione che possa superare lo stallo imposto dal commissariamento di Alitalia; una delle ipotesi studiate era stata anche l’azione nei confronti dell’intera alleanza SkyTeam.