Aerei dirottati. E l’allerta diventa più grave

Il maltempo si sposta a Genova e poi sul levante ligure dopo aver già «scaricato» parte della sua violenza sul ponente. Ma le abbondanti piogge mandano ugualmente in tilt i punti nevralgici della città. In particolare, a causa del violento nubifragio tre voli in arrivo all’aeroporto Cristoforo Colombo sono stati dirottati su altri scali e tre altri collegamenti sono stati cancellati. Lo scalo genovese è rimasto comunque aperto nonostante la forte pioggia ma alcune compagnie hanno preferito scegliere altri scali a causa delle temporanee condizioni meteo. Sono così atterrati a Pisa il velivolo Alitalia in arrivo da Roma alle 10.10 e i voli AirOne provenienti da Catania e da Palermo alle 10.30 e alle 10.45. Cancellati in partenza due voli per la capitale e uno per la Sicilia.
Oltre alle forti piogge, che hanno provocato allagamenti anche nel Chiavarese e disagi sulle autostrade, ieri la situazione già difficile è stata complicata dal vento che ha soffiato con raffiche fino a 80 chilometri l’ora.
Nel corso della giornata il maltempo ha concesso solo una tregua, ma le previsioni non inducono all’ottimismo. Per questo il servizio di Protezione Civile della Regione Liguria ha addiruttura comunicato il passaggio dell'allerta dal livello 1 a livello 2, temendo cioè l’aggravarsi della situazione. Per tutta la mattinata di oggi infatti è prevista «un’intensificazione dei fenomeni temporaleschi» soprattutto sul ponente, nelle province di Savona e Imperia già in grave difficoltà per il nubifragio di ieri mattina. Un primo, lieve miglioramento è previsto solo per questo pomeriggio, ma la pioggia continuerà a cadere sulla Liguria fino a domani, seppur in quantità minore.
Unico aspetto positivo, la forte pioggia ha spento tutti gli incendi ancora attivi in Liguria.