Aereo precipita all’isola d’Elba quattro morti e un ferito

Il velivolo era in fase di decollo. Le vittime sono un medico tedesco, due figli e un’amica. Sopravvissuto il terzo figlio di 12 anni

da Marina di Campo

Tragedia nei cieli dell'Isola d'Elba. Ieri pomeriggio - poco dopo le 17,55 - un Piper Malibu monomotore a sei posti si è schiantato a terra dopo aver tentato un atterraggio di emergenza. Nell'impatto sono morte quattro persone: Peter Rick, dottore di Medici senza frontiere, il figlio Giulio, l'amica di famiglia Valérie e Carl Lite, un ragazzo nato nello Sri Lanka. Unico sopravvissuto Manuel Rick, 12 anni, figlio del medico, che è stato trasportato d'urgenza all'ospedale di Livorno: le sue condizioni sono critiche.
Adesso saranno le indagini a chiarire cosa è accaduto: la Procura di Livorno ha infatti aperto un fascicolo e l'Enav ha avviato un'inchiesta interna. Secondo una prima ricostruzione, effettuata dai carabinieri della Compagnia di Portoferraio, il velivolo si è alzato in volo alle 17.55 di ieri pomeriggio dall'aeroporto di Marina di Campo. Destinazione: Germania.
Non appena percorsi quattrocento metri, l'aereo - di proprietà del medico tedesco, che si trovava alla guida - ha avuto dei problemi al motore: è cominciato a fuoriuscire del fumo nero. Proprio per questo motivo Peter Rick ha nuovamente virato verso l'aeroscalo, ma non ci è riuscito. Il Piper, che ha perso anche del carburante, nel tentativo di atterrare ha subito il distacco delle ali. La sua corsa è finita in un campo. Lo schianto è stato terribile; tutti i pezzi, dicono i soccorritori, sono concentrati in un'area di cinquanta metri quadrati.
A dare l'allarme è stato un passante, che ha avvertito i carabinieri. Sul posto sono intervenuti i militari del Comando provinciale di Livorno, guidato dal tenente colonnello Pasquale Santoro. L'area è stata posta sotto sequestro così come i resti del Piper: con tutta probabilità la magistratura labronica nominerà un perito di parte per chiarire le cause dell'incidente. Già oggi i tecnici dell'Enav potrebbero recarsi nuovamente all'aeroporto Marina di Campo, dove ieri pomeriggio i carabinieri hanno acquisito tutta la documentazione relativa al Piper (compreso il piano di volo).
I vigili del fuoco del distaccamento di Portofferaio, accorsi subito sul posto, hanno coordinato tutte le operazioni per la messa in sicurezza della zona. I medici del 118 hanno rianimato Manuel Rick, l'unico sopravvissuto, che è stato poi messo a bordo di un elicottero e trasportato d'urgenza all'ospedale di Livorno. Le altre quattro persone, che sono morte nella tragedia, saranno sottoposte agli esami autoptici.