Aereo precipita in Trentino: quattro morti

Il piccolo aereo da turismo è caduto nel pomeriggio verso il passo della Borcola, al confine fra le province di Trento e Vicenza: due vittime sono milanesi, due inglesi. <a href="/a.pic1?ID=265927" target="_blank"><strong>Air Show: elicottero militare cade nelago di Bracciano, un morto (le foto dello schianto)</strong></a>

Trento - Sono quattro le vittime dell'incidente aereo avvenuto oggi pomeriggio sulle montagne del Trentino. Lo si è appreso dai vigili del fuoco e dagli elicotteristi del 118, accorsi sul posto. L'incidente è avvenuto vicino a Terragnolo, verso il passo della Borcola, ai confini tra le province di Trento e di Vicenza. Sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco e un elicottero del 118. Lo schianto è stato segnalato da un escursionista, che ha visto il piccolo aereo passare, poi ha sentito un forte rumore, un botto, e ha visto del fumo.

Le vittime sono due italiani: il pilota dell'aereo, Vittorio Rossetti, 69 anni, nato a Milano e residente ad Alzano Naviglio Pavese (Milano), e la compagna, Marinella Ferrari, 56 anni, originaria di Pescarolo ed Uniti (Cremona) e residente a Cremona. E due due inglesi, di cui i carabinieri hanno fornito soltanto le iniziali, in attesa di comunicare il decesso ai parenti. Sono J.R, 80 anni, e K.J, 40 anni, probabilmente in vacanza in Italia. I carabinieri hanno accertato che i quattro erano partiti venerdì da Voghera (Pavia) per Venezia, da dove stamani erano giunti a Trento, facendo scalo all'aeroporto Caproni, per poi ripartire verso Venezia. E' in questa fase che che è avvenuto l'incidente. 

Facevano parte del club 'rotariani volanti' - una sezione del Rotary Club che accomuna a livello internazionale persone che hanno gli stessi interessi - le quattro vittime. L'aereo da turismo era decollato in mattinata da Venezia e, dopo uno scalo a Trento, verso le 16 era ripartito. Al momento, non risulta siano state avvertite le famiglie. Il gruppo dei 'rotariani volanti' da alcuni giorni è al Lido di Venezia per un meeting all'aeroporto 'Nicelli''.

Il raduno dei 'rotariani volanti' appartenenti alla sezione italiana - che comprende anche Grecia, Albania e Malta - è cominciato venerdì e ieri sera c'era stata una cena di gala. La scelta di Venezia come luogo dell'incontro - a cui prendono parte una cinquantina di persone con una dozzina di aerei - è stata fatta sulla base dell'interessamento dell'Associazione Amici dell'Aeroporto "Nicelli", impegnata nel rilancio dello scalo aeroportuale del Lido. Nel programma, era prevista una visita al Museo Aeronautico di Trento, intitolato a Giovanni Caproni, progettista e costruttore di velivoli.