In aereo Sigaretta fa scattare l’allarme

Scattato l’allarme per la presenza di fumo a bordo, un aereo di linea della compagnia israeliana El Al decollato ieri mattina dall’aeroporto di Fiumicino, diretto a Tel Aviv, è stato costretto a rientrare con la procedura d’emergenza poco dopo il decollo. L’aereo con 85 passeggeri a bordo e otto membri d’equipaggio è atterrato senza problemi e i passeggeri sono scesi normalmente dalle scalette del velivolo, con i mezzi di soccorso, dei vigili del fuoco e gli artificieri schierati a bordo pista. Secondo quanto si è appreso il comandante del volo «LY 386» decollato dallo scalo romano alle 10.20 durante il volo si è accorto dell’accensione improvvisa di una spia rossa d’emergenza che segnalava la presenza di fumo a bordo. Così il pilota ha chiesto l’autorizzazione per effettuare un atterraggio d’emergenza. Sono scattate subito le procedure ma, una volta a terra, l’aereo è stato ispezionato da parte degli artificieri, i quali hanno solo riscontrato che in uno dei bagni era stato lasciato un mozzicone di sigaretta.