Aeroporti, Ferrovial taglia 2mila posti

Baa, la società che amministra i maggiori aeroporti del Regno Unito, ha intenzione di licenziare a breve 2mila dipendenti per far fronte al suo esorbitante conto spesa: un taglio di personale piuttosto drastico che rischia di fare peggiorare la salute già precaria di alcuni scali britannici, al centro di numerose polemiche per la scarsa qualità dei servizi offerti ai passeggeri. La notizia - pubblicata dal Times - ha spiazzato la compagnia spagnola Ferrovial che l’anno scorso si è indebitata fino al collo pur di riuscire a comperare Baa e che aveva cercato di far passare sotto silenzio, almeno per il momento, i piani di risanamento della società. Ferrovial gestisce in Gran Bretagna tramite Baa gli scali di Heathrow, Gatwick, Stansted, Edimburgo, Glasgow, Aberdeen e Southampton e in apparenza ha intenzione di tagliare il personale in ogni settore, fatta eccezione per la sicurezza a causa dell’allarme terrorismo. Le compagnie aeree sono, tuttavia, sul piede di guerra e accusano Baa di voler aumentare i propri profitti anziché abbassare i costi per i passeggeri. Baa conta oggi 15mila dipendenti, 13mila dei quali nel Regno Unito. Di questi ultimi, 5mila sono addetti alla sicurezza, 2mila lavorano nei negozi duty-free all’interno degli aeroporti e mille si occupano di manutenzione, ispezioni e assistenza.