Aeroporti puntuali? La maglia nera a Fiumicino

Meno ritardi per gli aerei in Europa
ma non a Roma Fiumicino, primo aeroporto per poca puntualità
degli aerei al decollo con una media di 20,8 minuti per ogni
volo. Colpa più che in altri aeroporti di disservizi legati al
lavoro delle compagnie aeree

Roma - Meno ritardi per gli aerei in Europa ma non a Roma Fiumicino, primo aeroporto per poca puntualità degli aerei al decollo con una media di 20,8 minuti per ogni volo. Colpa più che in altri aeroporti di disservizi legati al lavoro delle compagnie aeree. Emerge da un rapporto di Eurocontrol, l’organizzazione europea per la sicurezza del traffico aereo, relativo ai dati del mese di giugno 2009.

Fiumicino maglia nera La rotta italiana con i voli meno puntuali è la Fiumicino-Torino (seconda in Europa con 25,2 minuti di ritardo in media per ogni volo), ma nella lista delle prime venti ci sono anche la Fiumicino-Palermo (terzo posto), Fiumicino-Malpensa (quarto), Fiumicino-Atene (sesto), Fiumicino-Catania (decimo), Fiumicino-Venezia (diciassettesimo), Torino-Fiumicino (ventesimo). Nella top-20 degli aeroporti con i decolli meno puntuali anche Pisa (settimo posto), Napoli (sedicesimo), e Torino (diciottesimo). In Europa i ritardi sono in riduzione: a giugno, rispetto allo stesso mese del 2008, la media è stata di 10,4 minuti per i decolli e 10,1 minuti per gli arrivi, in calo del 24-25%.

L'organizzazione dei voli Tra organizzazione dei voli e degli equipaggi, e altri disservizi, i ritardi causati dai vettori incidono a Fiumicino più che in ogni altro aeroporto ai primi posti della classifica degli scali con le partenze meno puntuali in Europa. Un problema che a Fiumicino è legato anche a ritardi nei servizi di terra, come per i bagagli, affidati a quattro diverse società dopo che è stata imposta una apertura alla concorrenza del settore.

La classifica dei ritardatari Dopo Roma Fiumicino, per trovare grandi aeroporti nella classifica degli scali con maggiori ritardi al decollo si va direttamente al nono posto per New Jork Jfk (fuori dall’area di Eurocontrol ma inserito nelle classifiche come termine di paragone) con 17,2 minuti, poi Istanbul all’undicesimo con 15,7 minuti, Londra al dodicesimo con 15,1 minuti. Gli altri sono per lo più scali secondari. Con altri tre scali italiani: Pisa al settimo posto, Napoli al sedicesimo, Torino al diciottesimo. Quanto ai ritardi all’arrivo va meglio per Fiumicino ma non in generale per gli scali italiani, con cinque nella top-20: Pisa al quinto posto, Torino al dodicesimo, Fiumicino al quindicesimo, Napoli al sedicesimo, Roma Ciampino al ventesimo.

Le rotte più battute La rotta aerea più trafficata in Europa a giugno è stata Barcellona-Madrid. Linate-Fiumicino (-27% del traffico rispetto a giugno 2008) è al terzo posto, dopo Tolosa-Parigi. Nelle prime venti anche Palermo-Roma (+8%) al diciassettesimo posto e Catania Roma (-16%) al diciannovesimo. L’Italia è ancora in grande evidenza nella classifica dei collegamenti tra due aeroporti più colpiti dai ritardi. La rotta con minore puntualità è da Parigi a Istanbul con una media, sempre a giugno, di 25,2 minuti di ritardo. Ma già al secondo posto (e per un solo secondo) c’è Fiumicino-Torino, la rotta italiana con i maggiori ritardi in partenza, 25,1 minuti di ritardo in media per ogni volo. Al terzo posto Fiumicino-Palermo (24,8 minuti), al quarto Fiumicino-Malpensa (24,6 minuti), al sesto Fiumicino-Atene (23,4 minuti), al decimo Fiumicino-Catania (19,5 minuti), al diciassettesimo Fiumicino-Venezia (17,8 minuti), al ventesimo Torino-Fiumicino (17,3 minuti).

Le medie dei ritardi Più in generale, a giugno 2009 rispetto a giugno 2008 Eurocontrol ha rilevato per gli aeroporti europei un calo del traffico dell’8%, colpa della crisi, ed una media di ritardi che considerando tutte le cause è stata di 10,4 minuti per i decolli e 10,1 minuti per gli arrivi, in calo del 24-25%. Il 39,4% dei voli in Europa è decollato in ritardo (di questi il 18,2% con ritardi oltre i 15 minuti), ed il 36,7% è stato in ritardo all’arrivo (18,1% oltre i 15 minuti). Ma va anche registrato che a giugno il 17,1% dei voli è decollato in anticipo rispetto all’orario previsto, ed il 37,5% è atterrato in anticipo.