Afa, alcol e spinello: un concertone da sballo

In 800 mila per sballarsi con la musica di Vasco. Una maratona musicale, quella di piazza san Giovanni, trascorsa senza troppi problemi per le forze dell’ordine. Pochi incidenti, qualche svenimento e crisi di panico. Colpa dell’alcol e del caldo davvero soffocante per il periodo. Fa comunque un certo effetto sapere che alla fine sono state raccolte 60 tonnellate di rifiuti da parte dell’Ama e, solo i carabinieri, hanno sequestrato duemila dosi tra cocaina, marijuana e hashish, «pane» per molti dei giovani partecipanti alla riunione. I 53 arrestati, molti dei quali minorenni, sono stati sorpresi ad acquistare le dosi e sono stati per questo segnalati al prefetto come consumatori.
Venerdì la temperatura al suolo ha toccato i 27 gradi all’ombra che, con la calca e qualche sorso di troppo, ha creato lavoro per il 118. In totale 947 interventi nelle cinque tende allestite sul posto. Nello specifico 66 persone sono state trasportate in ospedale con codice giallo e verde. Solamente un tossicodipendente in overdose è stato portato in codice rosso al San Camillo. In totale nella piazza hanno lavorato settanta squadre di soccorritori a piedi (140 persone), 26 ambulanze e quattro automediche.
Il concertone è stato soprattutto un fatto riservato ai giovani turisti; mentre la piazza si riempiva, i romani affollavano il litorale assolato intasando le consolari già dalle 7. Complessivamente, riferisce Trenitalia, sono stati 27mila i giovani arrivati col treno. Di questi, da nord a sud 13mila hanno utilizzato treni a lunga percorrenza e 14 mila convogli regionali spostandosi da Lazio, Toscana, Umbria, Campania e Abruzzo. Ben tre i treni supplementari messi a disposizione per raggiungere la Capitale da Milano, Lecce e Reggio Calabria.
Tutto bene anche il rientro da Roma Termini a fine manifestazione. I controlli da parte delle Fs, Polfer e delle squadre dell’assistenza clienti hanno garantito l’acquisto «last minute» del biglietto da parte di centinaia di giovani che si sono presentati in stazione senza titolo di viaggio. Poco meno di 1000 le persone che complessivamente sono state allontanate dalla Protezione aziendale del gruppo Fs e dalla polizia ferroviaria perchè pretendevano di viaggiare gratis in occasione dell’evento. Ritardati gli ultimi treni in partenza dalla Capitale per garantire il rientro di migliaia di persone che si sono concentrate a Termini alla fine del concerto. Le Ferrovia dello Stato hanno messo a disposizione un treno supplementare con destinazione Napoli. È stata data la possibilità ai giovani campani di salire su un convoglio diretto a Formia prolungando la corsa fino a Napoli.
Infine da registrare il plauso del sindaco per una organizzazione senza intoppi. «L’evento è riuscito benissimo, oggettivamente è stato un grande successo di pubblico e organizzativo - ha dichiarato Alemanno-. Abbiamo fornito tutti i servizi e il supporto possibile all’evento e abbiamo anche difeso la location poiché certi ambientalisti non volevano che il concerto si svolgesse in piazza San Giovanni. Lo abbiamo fatto perchè consideriamo il concerto ormai una tradizione».
Sui 53 arresti per droga Alemanno commenta: «Questi comportamenti ci devono far riflettere ma, rispetto a 800mila persone lo considero un fatto marginale».