Affidato ai servizi sociali torna a spacciare droga

Il Tribunale di sorveglianza di Roma lo aveva affidato ai servizi sociali della capitale dove avrebbe dovuto scontare una pena alternativa alla detenzione in carcere della durata di 2 anni. Lui però, 35enne di Roma, non appena tornato in libertà ha pensato bene di sfruttare l’occasione per riavviare la sua vecchia attività, quella di spacciatore. La notte scorsa i carabinieri del nucleo operativo della Compagnia Roma Centro, nel corso di un controllo di routine nella sua abitazione nel rione Monti, lo hanno trovato nuovamente in possesso di stupefacenti. All’interno della cucina, gli uomini dell’Arma hanno scoperto anche un piccolo laboratorio artigianale per il confezionamento di dosi di eroina.