Affresco storico «La scrivania del Federale»

Marcello Montaldo, dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza all’Università di Genova, ha esercitato l’avvocatura, nato a Genova e residente quasi da sempre a Bogliasco, ove ora vive e scrive, dopo Marietta - una storia quasi vera, ha pubblicato un nuovo libro dal titolo già di per sé molto indicativo La scrivania del Federale, ove si narrano le avventure di Daniele Serra, funzionario dello Stato, giunto al penultimo gradino della sua carriera, perciò nuovo incarico, più importante e più remunerativo, nuova segretaria, nuovo ufficio ed in quest’ultimo la nuova scrivania.
E la scrivania del Federale di Genova che del Ventennio trova intatto lo stile, imponente, serioso ed un po’ pretenzioso.
Nella scrivania si trova una pistola nascosta: è una P38 dalla quale chi sa quando e chi sa da chi sono stati sparati due colpi.
A questo punto per Daniele Serra, il nuovo federale, inizia una autentica «avventura dello spirito» e cioè un vero e proprio riepilogo della sua formazione e forse meglio della sua trasformazione.
Sullo sfondo dell’Italia di fine Novecento, carico di tensioni e recriminazioni mai sopite e mai completamente assorbite o dimenticate Marcello Montaldo ci offre un intenso affresco storico.
La Scrivania del Federale è un profondo, vissuto e appassionante racconto di una umanità, che fa i conti con se stessa e con il proprio complesso e contrastato passato allo scopo precipuo di ritrovare e ricercare ragioni, punti di riferimento e motivi per poter cambiare.
Lo stile è sciolto, semplice, lineare e rivela le qualità di uno scrittore di vaglia, non mancando nello specifico del racconto un puntuale riferimento ai fatti avvenuti ed alla storia ed in sintonia quasi perfetta con la cronologia.
La presentazione del nuovo libro di Marcello Montaldo è avvenuta sabato 6 febbraio alle ore 17 nel salone della Biblioteca Civica di Bogliasco.