Afghanistan, attentato alla base Usa: tre morti

Due violente esplosioni appena fuori una delle principali basi militari
statunitensi in Afghanistan. Hanno perso la vita tre soldati canadesi. Numerose persone sono rimaste ferite

Kabul - Due esplosioni, di cui una probabilmente provocata da un attentatore suicida, sono state sentite davanti a una importante base militare americana in Afghanistan. Il generale Jon Vance, comandante delle truppe canadesi in Afghanistan, ha spiegato che le vittime sono tre soldati del contingente inviato da Ottawa.

Il violento attacco Dalle prime informazioni risulta che un’automobile è saltata in aria e pochi secondi dopo anche un attentatore suicida a piedi si è fatto esplodere. L’episodio è avvenuto davanti alla base di Bagram, a 60 chilometri a nord di Kabul. Nel sud del paese, invece, secondo quanto riferito dall’Isaf (le forze internazionale della Nato presente nel paese), tre soldati della Nato sono morti in seguito all’esplosione di una mina. Non è stata specificata la loro nazionalità, come da prassi. Feriti ieri, sono morti nella giornata di oggi, a riprova di quanto le attività dei taleban siano ancora pericolose.

Tre morti Nell'esplosione hanno perso la vita tre soldati. Il generale Jon Vance, comandante delle truppe canadesi in Afghanistan, ha spiegato che le vittime sono tre soldati del contingente inviato da Ottawa. Secondo quanto riferito da fonti americane, numerose persone sono, inoltre, rimaste ferite.