Afghanistan, kamikaze contro un governatore: 7 morti

Attentato a Nimruz, ucciso il figlio del governatore e cinque guardie del corpo. A Kabul sventata strage su un autobus. Talebani all'offensiva, truppe spagnole in difficoltà

Kabul - È di sette morti il bilancio dell’attentato suicida di questa mattina contro il governatore della provincia occidentale afghana di Nimruz, Gholum Dastagir Azad. Lo ha riferito lo stesso governatore, aggiungendo che nell’attacco sono morti suo figlio e cinque guardie del corpo. Il terrorista suicida si è fatto esplodere alle 08.30 (ora locale) al cancello d’ingresso dell’ufficio del governatore a Zaranj, capitale della provincia, mentre Azad stava entrando. Nell’esplosione sono anche rimaste ferite 13 persone. La provincia di Nimruz, al confine con l’Iran, è considerata relativamente pacifica. Intanto soldati afghani a Kabul sono riusciti a fermare un aspirante attentore suicida che voleva salire a bordo di un autobus militare nella capitale afghana. I soldati sono riusciti a fargli levare il giubbotto esplosivo e lo hanno arrestato.

I talebani avanzano, spagnoli in difficoltà Le truppe spagnole dispiegate nell’ovest dell’Afghanistan, a responsabilità italiana, hanno perso il controllo di buona parte della provincia di Badghis, dove hanno abbandonato i progetti di ricostruzuione in corso a causa del deterioramento delle condizioni di sicurezza. Allo stato attuale, riferisce l’edizione odierna del quotidiano El Mundo, i talebani dominano due dei sette distretti della provincia, Bala Murghab e Ghormach a nord, e parte del distretto di Jawand a est. I tre distretti comprendono il 70% della superficie di Badghis, che conta circa mezzo milione di abitanti.