Afghanistan, Karzai giura per un nuovo mandato: rispetterò la costituzione

Hamid Karzai si è insediato oggi ufficialmente a Kabul quale presidente
dell'Afghanistan per il prossimo quinquennio. In una cerimonia svoltasi
nel palazzo presidenziale ha giurato: "Governo di unità nazionale"

Kabul - Hamid Karzai si è insediato oggi ufficialmente a Kabul quale presidente dell'Afghanistan per il prossimo quinquennio. In una cerimonia svoltasi nel palazzo presidenziale ha giurato solennemente di "rispettare ed applicare la costituzione afghana". Karzai ha colto l'occasione per rivolgere a tutti i candidati presidenziali "e in particolare ad Abdullah AbdullaH" a lavorare "per la riconciliazione nel paese". In un discorso dopo aver giurato oggi a Kabul per un secondo mandato, il capo dello Stato ha chiesto ad essi di aiutare la costituzione di un governo "con un profilo di unità nazionale".

Il giuramento di Karzai Karzai si è aggiudicato il secondo mandato dopo aver vinto le elezioni del 20 agosto ed essere stato dichiarato definitivamente vincitore nel ballottaggio del 7 novembre scorso per il ritiro del suo sfidante, Abdullah Abdullah. Karzai ha giurato nelle mani del ministro della Giustizia, Abdullahim Wardach davanti a centinaia di persone invitate nel palazzo presidenziale, fra cui il segretario di Stato americano Hillary Clinton, e il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini. Successivamente, parlando in pashtun, Karzai ha accettato il giuramento dei due vicepresidenti. Successivamente il capo dello Stato ha cominciato il suo discorso programmatico.

Gli obiettivi di Karzai Karzai si è detto certo oggi a Kabul che "nei prossimi cinque anni saremo in grado di assumere progressivamente le nostre responsabilità in tema di sicurezza". Questo "permetterà il progressivo disimpegno delle forze internazionali". Il secondo obiettivo del governo "è il miglioramento delle relazioni con gli Stati Uniti". Parlando nel palazzo presidenziale in presenza del segretario di Stato americano Hillary Clinton, Karzai ha detto: "Siamo coscienti dei grandi sacrifici in vite umane e risorse fatti da anni dagli Usa in Afghanistan". "Le nostre relazioni sono buone - ha concluso - ma adesso devono migliorare molto".