«Agenti nelle strade e crimini in calo, Milano è più sicura»

«I dati dei reati non sono mai stati così positivi: nel 2010 faremo di tutto affinché restino tali. Anche se è proprio vero che qui a Milano succede sempre di tutto..».
Il questore Vincenzo Indolfi chiude in bellezza l’anno. Le cifre gli danno ragione: il numero complessivo dei reati accertati dalla polizia di stato a Milano e provincia, tra gennaio e novembre 2009, registra una netta diminuzione rispetto al 2008: 46.261 crimini contro i 56.877 dell’anno scorso, circa 10.000 in meno, per una percentuale pari a -18 per cento. I numeri che saltano subito all’occhio riguardano in particolare le truffe (-42,75 per cento; addirittura dimezzate quelle agli anziani) e le rapine (-36,96 per cento; anche in questo caso, per quelle in farmacia, un buon -50 per cento). Anche per le violenze sessuali denunciate sembrano, almeno numericamente, di meno se dai 241 casi del 2008 si è passati ai 198 casi di quest’anno (-17,84 per cento. Per tre casi in più rispetto all’anno scorso (da 13 a 16) aumentano invece gli omicidi (+23,07 per cento). «Delitti nati però da situazioni contingenti, familiari, extemporanee, cioè non collegati a fatti di criminalità spregiudicata» precisa Indolfi.
«Non è che all’improvviso a Milano sono diventati tutti buoni - scherza il questore -. Certo: abbiamo svolto una grossa attività di prevenzione. Solo per l’ordine pubblico, ad esempio, impieghiamo 4.000 poliziotti ogni mese. Molti di loro, insieme ai vigili urbani e al personale Aler, si occupano di sgomberi e controlli delle aree dismesse (200 circa durante il 2008), del contrasto alle occupazioni abusive e, da quest’anno, degli sgomberi mirati per blocchi di edifici quando i cittadini segnalano situazioni di criticità in determinati stabili com’è accaduto in palazzi di viale Fulvio Testi, viale Sarca, viale Bligny, via Albertinelli e via Mar Jonio.
In calo i sequestri di sostanze stupefacenti che, per il questore Indolfi, va letto in relazione agli «ingenti quantitativi sequestrati lo scorso anno» che possono aver «ridimensionato i grossi traffici». Sono 2.124, invece, le sanzioni applicate contro la prostituzione. Nel corso degli undici mesi gli agenti hanno accompagnato in questura oltre 1.400 persone dedite alla prostituzione, di cui la maggior parte provenienti dalla Bulgaria.
Per quanto riguarda la riduzione dell’impiego delle forze dell’ordine in occasione di partite di calcio è da attribuire alla predisposizione degli stewards all’interno degli stadi. Nel 2009 sono stati 46 i Daspo (Divieto di accesso presso gli impianti sportivi), mentre sono state inflitte 11 sanzioni contro il bagarinaggio. Infine un ultimo dato sulla recente normativa riguardo allo stalking. Ad oggi sono 90 gli ammonimenti del questore, di questi 74 gli interventi effettuati per un totale di 10 persone arrestate e altre 10 denunciate.