Agenti protestano in Campidoglio: «Vigili urbani a tempo? No, grazie»

«Agenti municipali a tempo? No, grazie. La sicurezza non si improvvisa». Si è aperto con questo striscione, tra fischi e fischietti, il corteo di decine di vigili urbani che, ieri mattina, dalla Bocca della Verità ha raggiunto il primo dipartimento municipale sul Campidoglio. La manifestazione è stata organizzata dall’Ospol (Organizzazione sindacale di Polizia urbana), ma hanno aderito anche altre sigle. Sott’accusa «il concorso del ’90, che da tre anni blocca il passaggio dalla categoria C a D di 3mila colleghi - come spiega Stefano Lulli, segretario romano Ospol - e l’assunzione, per la prima volta da parte dell’amministrazione comunale, di ben 500 vigili a tempo determinato, che dal 1° dicembre prenderanno servizio per un anno». «Protestiamo perché per mancanza di una preparazione adeguata non possono offrire al cittadino sicurezza e qualità del servizio», aggiunge Lulli. Tra i nodi da affrontare anche «l’applicazione del Ccnl del 2000 e del contratto decentrato dello scorso anno, che prevedono l’istituzione dell’osservatorio epidemiologico per tutelare la categoria, riconosciuta a rischio per l’esposizione a polveri sottili e altri inquinanti e la richiesta dei buoni pasto». Non solo. Luigi Marucci, presidente Ospol, si dice pronto a denunciare «alla Procura della Repubblica, come nella passata consiliatura, tutti i consiglieri comunali perché non mettono all’ordine del giorno la misura per la dotazione di armi anche per i vigili urbani, misura già approvata da tutti i comuni italiani e da tutti i municipi della capitale».
«Per troppo tempo la polizia municipale è stata lasciata a se stessa - afferma il consigliere comunale di An Fabrizio Ghera - continueremo a incalzare Veltroni finché non si farà carico delle istanze dei suoi vigili». «Garantiremo la massima attenzione sulle necessità e sulle prerogative che il presidente dell’Ospol Marucci insieme alle altre delegazioni rappresentanti le parti sociali hanno espresso - dice Mirko Ocratti, consigliere di Forza Italia -. Personalmente, nell’esercizio degli strumenti consiliari istituzionali, avvierò ogni iniziativa per sensibilizzare e condurre una piena concertazione tra amministrazione e parti rappresentative dei lavoratori impegnati quotidianamente in questo delicato settore. Auspico dunque che ogni problematica evidenziata dai vigili urbani che oggi hanno manifestato sia celermente e responsabilmente sottoposta all’analisi della Commissione Consiliare competente per rendere ogni iniziativa amministrativa quanto più adeguata alle istanze degli operatori di polizia urbana».