Aggredita sulla porta e trascinata in casa Giovane salvata dal vicino

Un operaio marocchino di 52 anni ha atteso che una sua conoscente - una connazionale ventitreenne - rientrasse a casa, in piazzale Cuoco, quindi l’ha aggredita davanti all’uscio e l’ha trascinata in camera da letto, palpeggiandola violentemente. Erano le 2 dell’altra notte. Quando la poveretta è riuscita a fuggire, urlando, dall’abitazione, le sue grida hanno attirato l’attenzione di un vicino, contro il quale il marocchino ha puntato un coltello. C’è voluto l’intervento della polizia e il conseguente arresto del marocchino per metter fine alla vicenda: la donna ne avrà per due giorni al Fatebenefratelli per lesioni.