Aggredito per colpa dei pantaloni

Alla ragazza quei pantaloni piacevano proprio. Li aveva adocchiati nella vetrina di un negozio a Sampierdarena, adocchiati, osservati, soppesati e alla fine si è decisa a comprarli. Ma di chi è la colpa poi se quei pantaloni, una volta portati a casa e indossati, si sono «aperti» proprio sul... di dietro? Del venditore, naturalmente. Almeno dubbi non ne ha avuti il padre della giovane, che ha pensato bene di farsi giustizia da solo per l’acquisto andato a cattivo fine, malmenando il malcapitato negoziante.
Adesso per quei calci e quei pugni, l’uomo è stato denunciato.
È accaduto l’altro pomeriggio in un negozio di abbigliamento di via Buranello. Poco prima della chiusura, un uomo di quarantesei anni si è presentato al titolare con un paio di pantaloni in mano, mostrandogli uno strappo nella parte posteriore. I calzoni erano stati acquistati proprio prima dalla figlia.
«Questi pantaloni li avete venduti voi?» pare che l’uomo abbia chiesto al negoziante. «Questo capo si vende in diversi negozi» pare abbia risposto l’interpellato. Una risposta che non è piaciuta al cliente scontento, dal momento che subito è scattata l’aggressione, quindi la denuncia. Nulla che abbia contribuito a ricucire lo strappo...