Aggredivano e rapinavano: in trappola i baby bulli

Erano da tempo il terrore degli adolescenti di Ostia: 4 persone identificate

Da mesi minacciavano, rapinavano e malmenavano minorenni di Ostia. Poi alcuni di loro hanno trovato il coraggio di denunciare alla polizia gli appartenenti a tre baby gang.
Gli agenti del commissariato di Roma Lido hanno così identificato quattro persone appartenenti a tre gruppi che si erano spartiti il territorio. Il primo gruppo era capeggiato da due sedicenni, uno dei quali conosciuto come «il sasso». Punto d’incontro era la pineta e soprattutto il piazzale nei pressi di via delle Fiamme Gialle. A capo del secondo gruppo c’era un 14enne, detto «er malavita» già arrestato a gennaio per rapina. Tutti si riunivano vicino al capannone dei videogame del Luna Park. Tutti maggiorenni invece gli appartenenti del terzo gruppo, capeggiato da un 24enne.
Per mettere a punto le rapine si incontravano vicino alla stazione centrale di Lido centro. Secondo gli inquirenti il 24enne è l’autore di una rapina compiuta lo scorso 17 gennaio ai danni di un minorenne costretto, sotto le minacce, a consegnare il cellulare e una banconota da cinque euro. L’8 aprile, i complici di «er malavita», davanti all’istituto superiore «Toscanelli», rapinano e picchiano con spranghe di ferro e bastoni due 15enni. Sempre loro sono poi gli autori di una rapina, compiuta il 30 aprile vicino al luna park, ai danni di un 13enne al quale viene sottratta una catenina d’oro con ciondolo.
Infine il 20 maggio «Il sasso» e un suo complice tentano di rapinare un 13enne, malmenandolo. Il giorno dopo picchiano anche il padre, che cercava di avere spiegazioni dai ragazzi, procurandogli un trauma cranico. Gli autori delle rapine sono stati tutti denunciati.
Le indagini della Polizia ora proseguono per cercare di risalire ad eventuali complici dei denunciati e ad altri colpi di bande minorili della zona del litorale.