Agguato in Afghanistan: sparatoria contro alpini Nessuno è rimasto ferito

Gli alpini e i militari dell'Esercito afgano sono stati impegnati per alcune ore in una vera e propria battaglia, durante la quale sono
intervenuti anche elicotteri d’attacco Mangusta. Secondo le prime informazioni non ci sarebbero feriti<br />

Kabul - Scontri a fuoco oggi nell’area di Bala Murghab, presidiata dai militari italiani. Gli alpini e i militari dell’Esercito afgano sono stati impegnati per alcune ore in una vera e propria battaglia, durante la quale sono intervenuti anche elicotteri d’attacco Mangusta. Al termine gli ’insortì si sono allontanati. Non risultano feriti nè tra i militari italiani, nè tra quelli afgani.

Guerriglia contro gli alpini Da alcune settimane, spiegano al comando del contingente, è in corso l’operazione "Bazar Arad", nella provincia di Murghab, con la quale i militari italiani ed afgani puntano ad allargare la "bolla di sicurezza" creata nell’area, dove "migliaia di famiglie sono rientrate nelle loro case". L’azione congiunta degli alpini dell’8/o reggimento e del 2/o "kandak" dell’esercito afgano si sta in particolare concentrando a nord della bolla di sicurezza ed è qui, in mattinata, che un numero imprecisato di "elementi ostili" ha cercato di "contrastare l’azione delle forze della coalizione". Ne è nato uno scontro a fuoco che ha coinvolto gli alpini, i militari afgani ed elicotteri d’attacco: "l’azione, durata alcune ore, si è conclusa con il ritiro degli elementi ostil". "L’operazione "Bazar Arad" - concludono al comando di Herat -, prosegue in maniera congiunta, con diverse attività volte ad allargare verso nord la zona sicura per i civili".