Agguato in Cisgiordania: uccisi 2 poliziotti israeliani

Due agenti israeliani sono stati uccisi questa sera a colpi d'arma da fuoco in Cisgiordania. Secondo la polizia potrebbe trattarsi di un agguato di matrice nazionalistica palestinese<br />

Gerusalemme - Due poliziotti israeliani sono stati uccisi questa sera a colpi d'arma da fuoco in Cisgiordania in quello sembra essere un agguato di matrice nazionalistica palestinese. I due agenti, secondo quanto riferito da fonti di stampa locali, sono stati trovati mortalmente feriti dentro la loro automobile in una località isolata nei pressi dell'insediamento di Massua, nell'Alta Valle del Giordano, a poca distanza dal confine con la Giordania.

Colpi d'arma da fuoco L'automobile capovolta con dentro i due agenti, la cui identità non è stata finora svelata, sembra sia stata scoperta da un automobilista che ha dato l'allarme. Sul posto sono arrivate massicce forze di polizia e dell'esercito. Un medico militare ha cercato di dare le prime immediate cure ai due feriti, sui cui corpi erano visibili ferite d'arma da fuoco, ma non ha avuto successo e i due sono morti.

Si sospetta matrice nazionalistica
"sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco e il sospetto maggiore è che il crimine abbia una matrice nazionalistica (palestinese)", lo ha dichiarato il portavoce della polizia, Micky Rosenfeld. Nessuna organizzazione palestinese ha finora rivendicato l'attacco. Si ipotizza che l'automobile degli agenti sia stata colpita dal fuoco proveniente da un'altra automobile che si è poi allontanata. In tutta l'area l'esercito ha istituito posti di blocco e sono cominciate intense ricerche degli aggressori. Nelle ultime settimane, durante e dopo l'offensiva militare israeliana contro Hamas a Gaza, si è rilevato un aumento di azioni ostili contro israeliani in Cisgiordania da parte di palestinesi.