Agguato coi mitra Rapinati in Kenia 11 turisti italiani

Rapina a mano armata per undici italiani che a bordo di un pulmino da Mombasa, principale città della costa keniana, dove erano appena atterrati, si stavano recando a Malindi. Sono tutti illesi, ma sono stati rubati buona parte dei loro bagagli. L’agguato è avvenuto sabato. Il gruppo era atterrato intorno alle otto (sei in Italia) all’aeroporto internazionale Daniel Arap Moi di Mombasa a bordo di un volo charter della compagnia Livingston proveniente da Milano via Roma. Lì erano saliti a bordo del pulmino che avrebbe dovuto trasferirli all’hotel Angel’s Bay a Mambrui, una dozzina di chilometri a nord di Malindi, circa 130 dall’aeroporto. L’attacco è avvenuto poco fuori Mombasa, in una località nota come Bamburi, nei pressi di un noto hotel, il Reef. Due macchine erano in agguato e hanno bloccato il veicolo esplodendo alcuni colpi d’arma da fuoco (qualcuno parla di Kalashnikov, ma non ci sono conferme) a mo’ di intimidazione. Uno però ha mandato in frantumi lo specchietto retrovisore, le cui schegge hanno leggermente ferito l’autista. Quindi i banditi hanno spalancato il portellone posteriore portando via parte dei bagagli. Ma si sono dati alla fuga subito, poiché la sparatoria stava attirando molta gente. La circostanza che i banditi fossero al posto giusto al momento giusto fa ritenere agli inquirenti che ci debba essere stato un basista.