Agguato mortale: dietro l’omicidio un giro di lucciole

Lavorando in un caso di omicidio, i carabinieri hanno sgominato, una banda di sfruttatori in grado di «gestire» una trentina di ragazze dell’Est. La gang infatti aveva a disposizione una quindicina di appartamenti tra Milano, Varese e Trento. I malviventi, 15 albanesi e due italiani che fungevano da prestanome, tutti tra i 20 e 32 anni, chiedevano alle ragazze 2mila euro al mese, fornendo in cambio «protezione», alloggi e documenti. Il 30 marzo in zona San Siro si scontrarono con una banda rivale e, dopo una sparatoria tra auto in corsa come nella Chicago di Al Capone, lasciarono sul «campo» un morto, 29 anni, e un ferito. Lavorando su questo delitto i carabinieri sono riusciti a sgominare la gang (11 gli arrestati, 4 i ricercati) e ora sperano di individuare in fretta anche i killer del ventinovenne.