Agguato a Scampia Uccisi due uomini

da Napoli

Riesplode la guerra di camorra a Scampia, teatro di una faida che sembra infinita. Due persone sono state uccise in un agguato avvenuto a Melito, nel Napoletano. Le vittime sono Giovanni Irollo, di 27 anni, incensurato, e Marco Maisto, di 25, con precedenti di poco conto alle spalle. Appartengono al clan Di Lauro, che da anni si oppone agli scissionisti. La dinamica è stata quella di un thriller mozzafiato: il primo agguato, un disperato tentativo di fuga, un rocambolesco inseguimento e infine la morte. Le due vittime erano a bordo di un ciclomotore. Il commando di sicari - presumibilmente quattro - viaggiava invece su due motociclette. In via Galileo Galilei l'impatto e la prima sparatoria. Il passeggero del ciclomotore, raggiunto da più proiettili, è morto all'istante ed è caduto sul selciato. Il conducente del mezzo ha tentato la fuga riuscendo a percorrere circa 250 metri, inseguito dalle due moto. Ma in tre hanno sparato contro di lui con altrettante armi, uccidendolo. Nessun testimone sulla scena del delitto. Sul posto i carabinieri hanno trovato oltre 30 bossoli di proiettili.
Questo nuovo fatto di sangue è la conferma che la faida alla quale vengono attribuiti decine di agguati avvenuti negli ultimi tre anni, è ripresa senza esclusione di colpi, dopo un periodo di alcuni mesi di relativa «pace» tra le due fazioni rivali.