Agli eredi: «Non lavorate per Al Qaida»

Una previsione sulla sua morte per tradimento. E un ammonimento ai figli: non entrate a fare parte di Al Qaida. Parola di Osama, nel suo testamento. Il quotidiano del Kuwait «al-Anbaa» parla dell’esistenza di un documento dal contenuto «privato e confidenziale» datato 14 dicembre 2001. Nel testo di quattro pagine, scritto al computer e firmato «il vostro fratello Abu Abdullah Osama Muhammad Bin Laden», lo sceicco prevedeva di essere ucciso dopo un «tradimento» e ordinava alle mogli di non risposarsi e ai figli di non schierarsi tra le fila di Al Qaida e di non andare «al fronte». Poi si scusa con i figli per non aver potuto trascorrere con loro più tempo.