Un agosto ingessato per Alemanno

E pensare che l’anno scorso ha inaugurato in prima persona la «Torre», la palestra di roccia più alta della Capitale. Ora però la passione per le scalate del sindaco di Roma Gianni Alemanno (nella foto) - nel 2004 capo spedizione onorario nella scalata del K2 per il cinquantenario della conquista italiana della vetta - dovrà essere archiviata, almeno per qualche mese. Del resto un periodo di riposo forzato dopo un’intervento di «osteotomia correttiva» della tibia è il minimo. Si prospetta dunque un agosto col gesso per Alemanno, che domani farà il suo ingresso al reparto di ortopedia dell’ospedale San Giovanni di Roma. «Dopo l’intervento - fanno sapere dal Campidoglio - previsti alcuni giorni di degenza».