Agricoltura, perso 1 miliardo

Gli incendi che bruciano il Centro-Sud colpiscono anche l’agricoltura: i roghi di questi giorni hanno causato danni per un miliardo di euro. È la stima della Confederazione italiana agricoltori, realizzata però per difetto. Le fiamme, finora, hanno distrutto più di 5mila ettari tra coltivazioni e pascoli, mentre è allarme per alcune produzioni antiche e di pregio. Nel Gargano sono stati distrutti uliveti secolari, fiore all’occhiello dell’agricoltura pugliese, e sono a rischio rinomate specie di agrumi: dal «Femminello del Gargano», antica specie di limone, alle arance garganiche. In Abruzzo pagano pegno vitigni di pregio come il Montepulciano e il Trebbiano ed è a rischio anche lo zafferano di Navelli, così come, nelle Marche, il tartufo nero del Piceno.