AgustaWestland vuole entrare in Pzl-Swidnik

AgustaWestland, controllata di Finmeccanica, è pronta a diventare il futuro partner strategico di Pzl-Swidnik e a partecipare al suo capitale se le autorità polacche decideranno di privatizzare la società. Lo rende noto la maggiore holding di aerospazio e difesa italiana spiegando che l’iniziativa consentirebbe di sviluppare ulteriormente la stretta collaborazione che già esiste da undici anni tra le due aziende e garantirebbe ulteriori opportunità di crescita alla Pzl-Swidnik ma anche di espansione per AgustaWestland. Le relazioni industriali tra le due società, ossia AgustaWestland e Pzl-Swidnik, risalgono al 1997 quando l’azienda polacca iniziò a produrre le fusoliere degli elicotteri AgustaWestland Aw109 Power impiegando circa 60 dipendenti. Nel corso degli anni, e a seguito di notevoli investimenti, questa collaborazione si è notevolmente rafforzata, giungendo oggi a includere la produzione delle fusoliere di cinque modelli di elicotteri AgustaWestland e a impiegare oltre 1.000 operai specializzati sia in via diretta che indiretta. La collaborazione con la società italiana rappresenta oltre il 30% dei ricavi annui dell’azienda polacca e si prevede un ulteriore incremento.