Ahmadinejad: "Avanti col programma spaziale"

L’Iran prosegue il lancio in orbita dei nuovi razzi. Stati Uniti e Russia preoccupati che la Repubblica islamica abbia
ambizioni di diventare una potenza nucleare
militare

Teheran - L’Iran continuerà nel suo programma spaziale, lanciando nuovi razzi, nonostante le inquietudini suscitate in Occidente e in Russia dal suo primo esperimento, il 4 febbraio scorso. Lo ha detto oggi il presidente Mahmud Ahmadinejad, parlando in occasione del 29° anniversario della rivoluzione. Ahmadinejad ha definito "un successo" il lancio di una settimana fa. Altri ne seguiranno, ha aggiunto, con l’obiettivo di mettere in orbita un satellite interamente fabbricato in Iran "l’estate prossima". Non solo gli Usa, ma anche la Russia hanno espresso preoccupazioni per il lancio del primo razzo iraniano. Mosca, in particolare, ha sottolineato che queste attività danno adito a "sospetti" che la Repubblica islamica abbia ambizioni di diventare una potenza nucleare militare.

"Risoluzioni Onu? Pezzi di carta" Il presidente iraniano ha definito oggi "pezzi di carta" le risoluzioni approvate dalle Nazioni Unite contro l’Iran per il suo programma di sviluppo nucleare. "Il popolo iraniano è irremovibile sul suo diritto allo sviluppo dell’energia nucleare - ha detto Ahmedinejad - le grandi potenze non devono correggere i loro errori con un nuovo errore. La questione nucleare è finita. I nemici possono solo giocare con pezzi di carta. Non potranno fare niente".