Ahmadinejad «Washington impedisce l’avvento dell’Imam Occulto»

Gli Stati Uniti stanno provando a impedire l’avvento dell’Imam Occulto, colui che nella tradizione religiosa sciita è considerato il salvatore dell’umanità che ricomparirà alla fine dei tempi per portare sulla Terra giustizia ed equità. Lo ha dichiarato il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad. «Ho prove documentate», ha affermato Ahmadinejad parlando ai familiari di alcune vittime del conflitto degli anni Ottanta con l’Irak. «Gli Stati Uniti - ha affermato il presidente, stando a quanto riferito dal quotidiano Tabak - stanno escogitando piani per evitare l’avvento dell’Imam Occulto perché sanno che la nazione iraniana è l’unica che sta preparando la strada per la sua venuta. Gli Stati Uniti hanno in programma l’annichilimento dell’Iran, nonostante tutti gli analisti politici e gli esperti ritengano che la Repubblica islamica sia il vero vincitore in Medio Oriente». Intanto, a Washington il presidente americano Barack Obama ha incontrato ieri il primo ministro turco Recep Tayyip Erdogan. Il leader americano ha detto al collega turco che Ankara potrebbe ricoprire un ruolo importante nell’aiutare gli Stati Uniti e l’intera comunità internazionale sul dossier nucleare iraniano; nel fare pressioni per portare Teheran a negoziati sul suo programma atomico. In un incontro che si è svolto alla Casa Bianca, Obama ha sondato la possibilità che la Turchia, come membro del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, possa sostenere e appoggiare le sanzioni internazionali copntro la Repubblica degli ayatollah. La Turchia, ha aggiunto, può essere un fattore di stabilità regionale. Washington vorrebbe anche un maggiore appoggio da parte del governo di Erdogan nella missione in Afghanistan.