«Ai primi del 2006 4x4 cinese in Italia»

«Stiamo lavorando per importare già nei primi mesi del 2006 il primo veicolo cinese in Italia. Sarà una sorta di Sport utility, in linea con gli standard europei, e con un prezzo estremamente competitivo. Farà concorrenza soprattutto ai modelli coreani e, logicamente, non potrà competere con i Suv occidentali». Massimo Di Risio, presidente della Dr Automobiles di Macchia d’Isernia è appena rientrato dalla Cina dove, insieme al direttore marketing Luca Falasca, ha incontrato i responsabili di aziende locali. A Macchia d’Isernia sono in corso i test di omologazione della Happy Emissary, monovolume cinese da città il cui prezzo, una volta superate le prove, non dovrebbe superare i 5mila euro. «Torneremo ancora in Cina in agosto - spiega Di Risio - e al rientro potremo essere più precisi sui nostri piani».