Aiuti, cristiani abbandonati

La comunità cristiana del Libano rischia l’abbandono. Il grido d’allarme viene dall’Avsi, l’ong cattolica presente da anni nel Paese dei cedri: «La popolazione sciita riceve aiuti umanitari da Hezbollah con i soldi dell’Iran» mentre quella cristiana rischia l’emarginazione. I volontari italiani Avsi sono gli unici a fornire assistenza a Ain-Ebel, Rumaich, Debel, Ainata ed El Qazourah, i 5 villaggi dove si concentra la presenza di circa 15mila cristiani nell’area di Bint Jbeil, nel sud del Libano. Trascurati dalle organizzazioni islamiche, che riversano milioni di dollari sulla popolazione sciita, i cristiani stanno ricevendo per la prima volta in questi giorni cibo, acqua e farmaci dall’Avsi.