Aiuti e meno tasse: il modello Welfare alla parmigiana

Il Welfare alla parmigiana non è una ricetta gastronomica ma probabilmente un buon modello per amministrare una città. Questo cercherà di illustrare oggi e domani al Ridotto del Teatro Regio il sindaco di Parma di centrodestra Pietro Vignali, che già a giugno ha avviato un percorso di «riscrittura» delle politiche sociali a misura di famiglia. Il primo e più importante passo è l’applicazione del quoziente familiare - per la prima volta in Italia in un comune -, che consente di pagare meno tasse a partire dal numero dei componenti del nucleo, della condizione dei figli a carico, della situazione lavorativa dei capifamiglia o in presenza di disabili. Altro fiore all’occhiello dell’amministrazione è il progetto «Tagesmutter», ossia le mamme di giorno: operatrici che, al proprio domicilio o in strutture adeguate, accolgono bambini e ragazzi da 0 a 14 anni, aiutando le donne in carriera.