Alabama Donna spara in università: tre morti

È di tre morti e diversi feriti il bilancio di una sparatoria avvenuta ieri sera all’interno del campus dell’università di Huntsville in Alabama. Secondo le prime notizie, a sparare è stata una donna, che è stata poi bloccata e arrestata dalla polizia. Secondo la tv locale Waff tv, che cita fonti di polizia, la donna è una dipendente dell’università, di una trentina d’anni, che ha iniziato a sparare appena ha saputo che non sarebbe stata confermata come docente. I fatti si sono verificati intorno alle 23 italiane, nello Shelby Center, il palazzo che ospita le facoltà di matematica e di scienze, durante un corso di biologia. Le vittime sarebbero anch’esse dipendenti dell’Ateneo.
Appena si sono sentiti i primi spari, la polizia ha isolato subito la zona universitaria nel timore che si ripetesse una strage come quella avvenuta proprio due anni fa, il 15 febbraio 2008, quando in un campus universitario dell’Illinois un ex studente armato con due pistole e un fucile uccise sei persone durante una lezione in un’aula affollata per poi togliersi la vita.
Ma peggio ancora fu la strage che nell’aprile del 2007 sconvolse un’università della Virginia. Allora il killer fu uno studente ventenne, di origine asiatica. Armato con due pistole di calibro nove, aveva fatto ingresso dalla porta principale dell’università. Dopo una prima sparatoria, percorse con calma quasi tutto l’ateneo piombando in un’aula affollata dove si mise a sparare all’impazzata. Bilancio: 32 morti