Da Alajmo a Lidia Alciati il top in cucina

Brando Franchi

Quaranta i relatori alla seconda edizione di Identità Golose a Milano, undici i premiati per il genio in cucina, pasticceria e giornalismo. GRANA PADANO - Idee di Gola – Moreno Cedroni: per avere allargato le sue attività a campi vicini della ristorazione, un bistro on the beach, diversi libri di ricette e di ricordi, il chiostro per la vendita sulla strada di bocconi buoni e un laboratorio per la produzione degli stessi. BMW - Creatività in cucina – Davide Scabin: padrone assoluto della tecnica, ha saputo cambiare percorsi creativi, proponendo piatti mai gustati prima, senza mai fermarsi e sempre attento al mondo circostante, in primis quello del design.
SANPELLEGRINO - Ambasciatore del gusto italiano - Burton Anderson: nato a Minneapolis negli Stati Uniti nel 1977 lascia Parigi e si trasferisce in Toscana diventando il massimo esperto in lingua inglese del vino italiano. I suoi libri hanno fatto storia. REGIONE LOMBARDIA - L'Eccellenza lombarda in cucina – Enrico Cerea, premiato non solo come giovane erede dell’arte culinaria di Vittorio, ma anche l´abilità di un cuoco di far funzionare a meraviglia più realtà ristorative, catering compreso. FORTE - Premio Tipicità italiana in cucina – Lidia Alciati: la vedova del grande Guido da Costigliole è stata premiata perché declina le migliori corde della tradizione di Langa. VELIER - Artigiano della gola - Stefano Bellotti, vignaiolo scelto per avere scelto una via naturale al vino in epoca non sospetta e per essere capace di produrne di ottimo. PETRA - Il Giovane d'oro - Andrea Mazzoni, trentenne realtà del ristorante Rossini di Firenze. NINO NEGRI - Cuoco dell’anno - Massimiliano Alajmo, votato perché poco più che trentenne è da tempo un maestro di serietà e bravura ma anche di ironia. AMARENA FABBRI - Pasticciere dell'anno - Iginio Massari: per sapere trasformare anche il dolce più visto in un capolavoro all’apparenza appena creato, ad esempio il suo celeberrimo panettone. DISCOVERY TRAVEL & LIVING - Chef on the road - Mathias Dahlgren, svedese: se l´uomo non fosse stato fin dal suo apparire un animale nomade, si sarebbe subito estinto. Con questo riconoscimento, si onora la figura del cuoco sempre curioso e pronto ad affrontare nuove esperienze. MEC3 - Gelatiere dell'anno – Angelo Convitto, uno scienzato del gelato artigianale, capace di creare un nuovo mondo, popolato da oltre 250 gusti.