Albania Quell’accordo boicottato da Tirana

L’accordo è del 2002 e prevede il rimpatrio dei detenuti albanesi con condanne definitive, anche senza il loro consenso. Nel 2002 la criminalità albanese rappresenta forse la minaccia più grave per il nostro Paese, fra quelle di matrice straniera. Ma l'accordo di fatto resta inapplicato: fra lungaggini, ritardi, sfiancanti controlli dei detenuti da rimpatriare da parte della magistratura locale. Solo una trentina di albanesi, anzi meno, tornano a casa.