Albenga Il sindaco Guarnieri: «Dico no al cimitero islamico. È contro la legge»

Il sindaco di Albenga, la leghista Rosalia Guarnieri, dice no al cimitero islamico. «Comprendo la posizione dell’ex leader dell’Ucoii Hamza Roberto Piccardo, che tenta di convincere gli amministratori con l’obiettivo di portare acqua al proprio mulino. L’ipotesi di un’area cimiteriale espressamente dedicata alle sepolture islamiche è emersa durante un recente incontro col Comitato Donne e Mamme Musulmane, ma ad oggi, all’attenzione dell’attuale amministrazione comunale di Albenga, non è pervenuta alcuna richiesta ufficiale a tal proposito». Il sindaco è ancora più esplicito: «In ogni caso, anche di fronte a una richiesta ufficiale, la risposta resterebbe negativa, forte della conoscenza delle regole italiane in netto contrasto con quanto richiesto, e in particolare del Dpr 285 del 1990, apparentemente sconosciute sia a Piccardo, sia, cosa ancor più grave, all’ex consigliere di maggioranza, presidente della Commissione Pari Opportunità e oggi consigliere di minoranza Simona Vespo del Pd». «La norma italiana prevede infatti che le inumazioni vengano eseguite non con cassa di legno e zinco, bensì di solo legno, al fine di velocizzare il processo di mineralizzazione - prosegue Guarnieri -. Il quale è quindi seguito dalla riesumazione delle ossa, che vengono infine riposte nell’ossario comune».