Albertazzi: «Dovevamo fare Amleto»

«Peppino Patroni Griffi era un artista di grande ironia, un uomo di teatro completo. Avevamo un progetto insieme, un nuovo Amleto». È questo il ricordo di Giorgio Albertazzi. «Durante la sua lunga carriera - dice il presidente della Giunta regionale della Campania Bassolino - ha saputo attraversare da protagonista la storia dello spettacolo portando sempre nel cuore la sua terra e la sua cultura d'origine», commenta il presidente della regione Campania Bassolino. «Si è spenta un'altra luce del teatro italiano, una luce fulgida che continuerà a risplendere in scena con le sue opere», lo commemora Carla Fracci. «Non conoscevo bene Patroni Griffi, ma dispiace quando scompare un uomo che ha dedicato la sua vita al teatro», commenta Luca Barbareschi. Tra gli amici di sempre del regista Rossella Falk, l’ultima attrice con cui ha lavorato che dice: «Di lui ricordo tutto e mi mancheranno non solo gli spettacoli fatti insieme, ma soprattutto le serate e le vacanze a Capri: quanto ci siamo divertiti e quanto ci siamo amati tutti con Romolo Valli». Umberto Orsini lo ricorda come «una delle prime persone che ho conosciuto e che mi hanno dato fiducia. Io, da parte mia, sono quello che lo ha spinto a diventare regista».