Albertini chiede un milione di danni

Gabriele Albertini annuncia il ricorso al Tar e chiede un risarcimento stellare (un milione di euro a infrazione). Filippo Penati si adombra e, dopo aver rotto il patto di sindacato, veste i panni dell’unico «difensore dell’interesse pubblico». E l’onorevole udc Bruno Tabacci, ultimamente attirato dai titoloni sui giornali, ne approfitta per un’entratona a gamba tesa. Su entrambi, sindaco e presidente della Provincia. Tanto per non sbagliare. E per far crescere il sospetto di covare un interesse, ormai non più troppo velato, alla poltrona di sindaco. «La Provincia - arringa il presidente della commissione Attività produttive della Camera - persegue un disegno di puro potere pagato con i soldi pubblici. Ma cosa resta del protagonismo del Comune?». In tempi di uragani, bisognerà trovare un nome anche per quello che travolge la Serravalle, società dei veleni che gestisce un tratto dell’autostrada per Genova e le tre tangenziali milanesi.(...)