«Albertini è il mio trampolino di lancio»

Letizia Moratti parla del suo rapporto con Gabriele Albertini, sottolinea le divergenze che la separano da Bruno Ferrante e rilancia il riformismo come modello di riferimento. «Grazie alle opere e alle idee di Albertini esiste oggi un ottimo trampolino di lancio. Gli ho chiesto di partecipare attivamente alla campagna elettorale e di rimanere a disposizione della città», dice il candidato sindaco della Casa delle libertà. E spiega: «È improprio parlare di discontinuità, io punto a fare un altro passo avanti rispetto alle basi straordinarie messe da questa giunta».
Moratti è molto critica con Bruno Ferrante: «Ha sempre un pensiero negativo, parla della città come se tutto andasse male. Penso che sia pericoloso, perché può creare scontri, blocchi di sistema, contrapposizione sociale». Tra i modelli di riformismo della Moratti l’ex sindaco, Carlo Tognoli: «È stato dedito al fare e vicino ai problemi della gente». La candidata della Cdl annuncia «tavoli di consultazione permanente con i partiti» e rivendica la propria indipendenza: «Per chi voto? Il voto è segreto».