Albertini al vertice di Edipower

Gabriele Albertini è il nuovo presidente di Edipower, la società della Edison controllata da Edf e Aem. E così l’ex sindaco, oggi eurodeputato nelle file di Forza Italia, realizza il suo desiderio di tenere il timone di un gruppo prestigioso, meglio se impegnato nel ramo energetico. A nominarlo, dopo le dimissioni di Giuliano Zuccoli, il consiglio di amministrazione della ex Eurogen, una delle Genco (le grandi centrali messe in vendita dall’Enel per effetto del decreto Bersani risalente al 2000) attiva nel settore dell’energia e che oggi fa capo a Edison, Aem Milano, Aem Torino e Atel. Zuccoli, presidente di Edison e numero uno di Aem, rimarrà comunque nel cda di Edipower. «Albertini - si legge in una nota - avrà deleghe in materia di controllo e di audit ed è stato nominato anche presidente del comitato di controllo interno». Prima grana sul tavolo di Albertini il ricorso presentato all’Antitrust del presidente Antonio Catricalà l’8 luglio scorso da Acea che ha contestato ad Aem ed Edf di aver superato il 30 per cento fissato dal decreto Bersani nel 2000 per la partecipazione di enti o imprese pubbliche nella ex Genco. Un primo passo per Albertini che, proprio l’altro giorno, ha annunciato che la sua aspirazione sarebbe impegnarsi «in un progetto che porti il nucleare in Italia».