Albertoni eletto al Csm È stato presidente del Consiglio regionale

Si è insediato al Consiglio superiore della magistratura il consigliere Ettore Adalberto Albertoni, laico di maggioranza, eletto dal Parlamento il 4 ottobre scorso in sostituzione di Matteo Brigandì, dichiaratodecaduto per incompatibilità il 13 aprile scorso. Il plenum del Csm ha infatti approvato all’unanimità, nella seduta di ieri pomeriggio la pratica proposta dalla Commissione per la verifica dei titoli che ha accertato i requisiti di eleggibilità di Albertoni. Leghista, laureato in giurisprudenza alla Statale di Milano nel 1959, docente universitario, è stato fra l’altro direttore dell’Istituto giuridico della facoltà di scienze politiche della Statale di Milano. Fino agli anni Settanta ha militato nel Partito socialista, più recentemente si è avvicinato alle idee federaliste. In alcune sue dichiarazioni a mezzo stampa, rintracciabili su Internet e risalenti agli anni Novanta, si esprime a favore della secessione del diritto all’autodeterminazione del Nord. È stato assessore regionale in Lombardia e presidente del Consiglio regionale lombardo. Il titolo per la legittimazione di Albertoni è stato individuato dalla commissione apposita nell’esercizio della attività di avvocato. In passato ha ricoperto la carica di consigliere di amministrazione della Rai.