Alcol, in 11 locali della movida c’è il gioco che simula i pericoli

La sua ultima volta a Milano, almeno in veste ufficiale di stilista, era stata nel 2004, l’anno in cui aveva detto addio per sempre a Gucci. Ieri Tom Ford è tornato sotto i riflettori milanesi a testa alta. Inaugurando il nuovo super negozio di via Verri: mille hollywoodiani metri quadri su quattro piani ricostruiti, dice lui, a immagine e somiglianza della sua casa. Ieri sera però ha dovuto dividere la torta con la sua ex pupilla, Frida Giannini. La stilista che ha preso il suo posto e che aveva lavorato con Tom nel settore accessori. I due mega party, di Gucci e di Tom Ford, sono infatti andati in scena in contemporanea. Peccato che nessuno dei due abbia voluto che l’altro comparisse nella lista degli invitati.
«Io non ho invitato lui e lui non ha invitato me», ha detto Frida nel back stage della sua sfilata ieri mattina. «Non passo da Gucci», ha sottolineato lo stilista texano alla presentazione della boutique poco dopo. A legarli, o meglio a dividerli, è stato un profumo. L’affascinante Frida dopo la sfilata ha festeggiato la nascita della sua prima fragranza maschile, Gucci pour Homme. E lo ha fatto con una grande festa per 800 invitati all’hotel Diana preceduta da una cena per cento vip. Ospite d’onore l’attore James Franco (il miglior amico di Spiderman nell’omonimo film). Proprio mentre, poco lontano, in via Mozart, lo stilista che da ragazzo sognava una carriera a Hollywood, e che dopo il divorzio con Gucci aveva ricominciato da solista creando proprio una linea di profumi, festeggiava il suo ritorno in grande stile con una super festa a villa Necchi.