Alcuni argomenti rimangono tabù per i giornalisti

Il governo cinese ha emanato regolamenti temporanei per i giornalisti stranieri nel gennaio 2007. Le direttive, vigenti fino all’ottobre 2008, riducono le limitazioni per gli spostamenti e la necessità di benestare preventivo per le interviste. Secondo il Comitato per la Protezione dei Giornalisti (Cpj) tuttavia, in pratica, «il governo continua a interferire con i giornalisti stranieri», in particolare riguardo ad argomenti tabù come il Tibet e il Falun Gong: «Gli organizzatori hanno prodotto un frasario in inglese per la polizia, con una sezione intitolata “Come fermare servizi giornalistici illegali”».