Aldo Spinelli sbotta, poi ammette: «Il Savona? Prima vendo il Livorno»

Presidente, perché vuol cedere una così bella squadra? Aldo Spinelli, in tribuna a Marassi, ha appena finito di litigare con un cronista livornese: aveva scritto che il presidente voleva vendere il Livorno per cinque milioni e mezzo. In verità Spinelli aveva semplicemente spiegato che era la gestione della società che costava quella cifra. E così «u sciu Aldo» non s’è fatto pregare è ha replicato per le rime: «Bugiardo», ha gridato a chi gli aveva rivolto una domanda a suo dire tendenziosa. E il siparietto ha finito per sollevare un po’ di tensione in tribuna.
Ma sotto sotto, qualcosa di vero ci doveva pur essere. E con calma, ecco che Spinelli si confida, raccontando come stanno davvero le cose.
Allora, presidente, è davvero stanco di questo Livorno?
«Sono stanco di fare il presidente, sempre in giro, trasferte di 400 chilometri, non ce la faccio più».
Perché ha sollevato Novellino?
«Perché lo avete visto, prima la squadra giocava solo per non prenderle (e le prendeva, ndr), mentre ora gioca per vincere, si è spostata in chiave offensiva».
Allora, lo vende o no? E arriverà al Savona?
«Non è facile vendere una società. Però ha visto che bella squadra ha messo su Madonna. Corrono, combattono e giocano».
Spinelli, venerdì sera, era forse l’unico contento insieme ai suoi fidi amici: dal vicepresidente Silvano Siri, al suo tecnico di sempre Attilio Perotti. Condizioni ideale per strappargli qualche considerazione anche sulla Samp del suo amico Garrone. Presente allo staddio, ma tutt’altro che soddisfatto per una squadra che non gira.
E di questa Samp che mi dice?
«Ha traguardi diversi dai nostri. Ce la farà di sicuro. Anche se la B è dura, lunga e imprevedibile».
A Savona, presidente, lo aspettano...
«Lo so, ma prima debbo risolvere i problemi del Livorno. Comunque una mano agli amici che oggi hanno la gestione del Savona la potrò sempre dare».
Di questi tempi Garrone non riesce a spuntarla su di lei... mercoledì scorso ha perso a scopone, venerdì a Marassi non è andata bene. Domani ci sarà la rivincita?
«Per fortuna c’è qualcosa di diverso e di più tranquillo che il solito calcio e soliti pensieri da presidenti...».
Le ultime notizie dicono che l’ex genoano e giocatore anche del Livorno Galante sarebbe l’intermediario dei nuovi finanziatori interessanti a rilevare la società labronica.
Spinelli attende, intanto pensa a «sparigliare» le carte...