Aldrovandi, risarcimento: dallo Stato due milioni alla famiglia di Federico

Lo Stato ha riconosciuto un risarcimento alla famiglia di Federico Aldrovandi, ragazzo morto a Ferrara in un controllo di polizia nel 2005. È stato raggiunto 2 giorni fa l’'cordo per la transazione economica a favore delle parti civili costituite nei processi nati dalle inchieste sulla morte del giovane<br />

Roma - Lo Stato ha riconosciuto un risarcimento alla famiglia di Federico Aldrovandi, ragazzo morto a Ferrara in un controllo di polizia nel 2005.È stato raggiunto 2 giorni fa l’accordo per la transazione economica a favore delle parti civili costituite nei processi nati dalle inchieste sulla morte del giovane. Complessivamente ai familiari andranno quasi due milioni. In cambio lo Stato chiede alla famiglia di non costituirsi parte civile nei procedimenti ancora aperti sulla vicenda. "Sono soddisfatto dal punto di vista professionale, si tratta di un’ammissione di responsabilità di indubbia valenza -ha detto uno dei legali della famiglia, ricordando che il Viminale non era mai stato citato come responsabile civile- ma anche dispiaciuto dal punto di vista umano, avrei voluto essere in appello. Però capisco la fatica della famiglia per tutta questa battaglià. Ma -ha assicurato- il papà e la mamma di Federico, Lino Aldrovandi e Patrizia Moretti, saranno comunque in aula in appello. I 4 poliziotti di pattuglia quella mattina sono stati condannati in 1/o grado per omicidio colposo, e altri 3 loro colleghi sono stati condannati per il depistaggio delle indagini (per un 4/o il processo è ancora in corso)" .