Ale non molla mai, Nedved in calo Amelia non fa miracoli, Tristan male

LIVORNO
5 AMELIA. Sarà anche il vice Buffon, corteggiato e riverito, ma ogni volta che ci sarebbe bisogno di un suo guizzo, delude regolarmente. Del Piero gli segna in tunnel.
5,5 GRANDONI. Si propone in avanti con poco successo.

5,5 KNEZEVIC. Partita onesta ma con la Juve non basta.

5,5 GALANTE. Il buon Fabio parla molto e si vede poco.

5,5 BALLERI. Corre molto si fa la fascia alla grande ma non conclude mai nulla di buono.
6 VIDIGAL. È il più pericoloso dei suoi.

5 DE VEZZE. Viene espulso con due gialli di una ingenuità adolescenziale. Era il più tonico, lascia gli amici in dieci e tira giù la saracinesca sulla gara.
5 A. FILIPPINI. È uno solo dei due gemelli di Urago Mella, anche se in campo si sdoppia. Purtroppo senza apprezzabili risultati (14’ st Pulzetti 6).
5 PASQUALE. Ha l’occasione per segnare dopo un quarto d’ora e cambiare il corso della partita.
5 TAVANO. Palo su punizione. Una carriolata di talento rimasta nello spogliatoio.
4 TRISTAN. Il centravanti ha già dato in gioventù (14’ st Bogdani 7. Mette paura alla Juve).
All.: CAMOLESE 5. Manifesta inferiorità.
JUVENTUS
6 BELARDI. Alla mezz’ora del primo tempo rischia di finire impallinato da Vidigal che di sinistro e di testa gli arriva a pochi metri. Aveva giocato solo 13 minuti in questo campionato, si salva bene.