Alemanno ad Auschwitz: "Netta condanna di fascismo e nazismo"

"Per me è chiaro che la condanna del fascismo e del nazismo - ha affermato Alemanno -, deve essere ugualmente netta e questo deriva dalla memoria di quello che è successo", lo ha dichiarato il sindaco di Roma in visita al campo di sterminio di Auscwitz per tutta la giornata

Cracovia - "Condanna netta del fascismo e del nazismo". A dichiararlo il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in visita per tutta la giornata il campo di sterminio di Auschwitz. "Non ho mai avuto in questi mesi posizioni ambigue rispetto al fascismo - ha spiegato Alemanno - ma ho fatto gravi errori comunicativi, questo sì". "Quello che è chiaro per me - ha proseguito il sindaco di Roma - è che la condanna del fascismo e del nazismo deve essere ugualmente netta e questo deriva dalla memoria di quello che è successo. E questo non l’ho imparato adesso, lo sapevo, ma certe volte nelle interviste è difficile fare ragionamenti complicati, e si tradisce il significato vero delle parole". "Il significato vero - ha concluso Alemanno - è che la condanna del fascismo e del nazismo è uguale e netta".