Alemanno, i Bot e le tasse

Dal portavoce del ministro della Politiche agricole e forestali riceviamo e pubblichiamo.
Egregio direttore, le scrivo per una doverosa precisazione in merito all’intervista pubblicata ieri dal giornale da lei diretto con il titolo «Siliquini, l’avvocato che ha riformato la scuola per vendicarsi del ’68», realizzata da Giancarlo Perna. Nell’intervista si fa riferimento a una presunta proposta di Gianni Alemanno che, a parere del giornalista, vorrebbe «più tasse su Bot, Borsa e conti correnti». In realtà il ministro Gianni Alemanno ha avanzato una proposta ben diversa, precisando in innumerevoli occasioni di non avere alcuna intenzione di aumentare la tassazione sui piccoli risparmi delle famiglie ma di voler intervenire piuttosto su tutte le altre forme di plusvalenza, dove la tassazione è molto al di sotto della media europea, per reperire le risorse necessarie a ridurre altre imposte.
Distinti saluti